Università di Napoli
Federico II
European Chemistry
Thematic Network
INDICE | Commenti e contatti | Crediti
english home back

Plastica e Ambiente


Settori di utilizzo delle materie plastiche

L'Era della Plastica

La produzione mondiale di plastica è di circa 200 milioni di tonnellate/anno. Per confronto, la produzione mondiale di carta è circa 330 milioni di tonnellate/anno. Tale produzione, in costante aumento negli ultimi 50 anni, ha fatto sì che venisse coniata l’espressione "Era della Plastica", applicata a tutta la seconda metà del novecento. Questa definizione dà un’idea di quanto l’avvento delle materie plastiche abbia inciso sui comportamenti e le abitudini quotidiane dei paesi sviluppati e in via di sviluppo, e di quanto abbia contribuito allo sviluppo di importanti settori come trasporti, comunicazioni, elettronica, informatica.

In particolare, le materie plastiche hanno assunto crescente importanza nei settori dell’imballaggio e dell’edilizia, dove fanno competizione alla carta e ai metalli.

Quali sono le principali caratteristiche alla base del successo della plastica?

  • La plastica è leggera
  • La plastica è chimicamente inerte
  • Le materie plastiche sono molto versatili, presentano cioè proprietà molto variabili e adatte all'impiego in moltissimi settori differenti
  • Le plastiche sono facilmente lavorate con basso consumo di energia (basta pensare per esempio che per ottenere una bottiglia dal vetro bisogna arrivare a una temperatura di circa 1000°C, mentre bastano solo 250°C circa per ottenere una bottiglia di plastica)
  • La plastica può essere raccolta e riciclata con relativa facilità

Grazie a tutte queste caratteristiche, la plastica ha sostituito in molti casi i materiali classici che venivano utilizzati un tempo (carta, vetro, legno, metalli e ceramiche).

Il Lachine Canal, a Montreal

La plastica offre solo vantaggi?

Accanto ai vantaggi, sono sempre più fortemente emersi negli anni problemi di inquinamento ambientale causato dalla dispersione della plastica nei rifiuti urbani, e conseguentemente nelle discariche. La plastica dispersa nell’ambiente origina un elevato danno paesaggistico e un inquinamento dell’ecosistema, soprattutto a causa della natura "indistruttibile" di questi materiali.


Come smaltire i rifiuti che contengono materie plastiche?

Il metodo tradizionale di smaltimento dei rifiuti (interramento in discariche ed incenerimento) non può essere applicato alla plastica perchè:
  1. alcune materie plastiche quando bruciano producono gas tossici;
  2. quasi tutte le plastiche bruciando producono una notevole quantità di calore che, se non viene utilizzato per produrre energia, si disperde nell’ambiente circostante causando un indesiderato aumento della temperatura (inquinamento termico);
  3. la plastica non è degradabile, se non in tempi lunghissimi (centinaia di anni), quindi una volta abbandonata permane nell’ambiente.
Il problema dell’impatto ambientale della plastica può essere risolto, o almeno ridotto, con metodi di recupero tramite raccolta differenziata e di ri-utilizzo degli stessi materiali a fine vita (riciclo). Per soluzioni più definitive, si punta oggi a sostituire le plastiche tradizionali con plastiche degradabili. La ricerca in questo campo è attiva in istituzioni pubbliche e private in tutto il mondo. Un altro modo di eliminare la plastica è bruciarla per produrre energia.